Castelpetroso, il borgo del Molise con uno splendido santuario. E’ il Molise che esiste

In primo piano Varie

Il luogo simbolo di Castelpetroso? La Basilica Minore dell’Addolorata, nata laddove la Vergine apparve

castelpetroso

In Molise, c’è un borgo piccolo e affascinante che anche le telecamere di “Kilimangiaro” hanno esplorato: è Castelpetroso, poco più di mille abitanti sulla cima d’un colle, tra le valli di Bojano e Carpinone. Si compone di cinque piccole frazioni, Castelpetroso: Indiprete (la più grande, e con tutti i servizi essenziali), Guasto, Pastena, Casale e Camere. Il centro del borgo, infatti, è un piccolo cuore d’origine medievale in cui solamente una decina di persone vivono. Fu intorno all’anno Mille che qui, in un sito ricco di pietre, fu costruito un castello: al suo interno vissero Carlo I d’Angiò, Giovanni D’Angelo, Carlo II d’Angiò, Andrea d’Isernia, fino alla famiglia De Rossi. Di forma quadrata, il castello fu progettato dai Longobardi e – dopo numerosi passaggi di proprietà – divenne il luogo simbolo di Castelpetroso. Oggi al suo interno vi è un museo della civiltà contadina con antichi arredi, attrezzi agricoli, medaglie, fotografie, quadri e oggetti di vario tipo, e vi è anche un presepe molisano del Cinquecento i cui elementi rimandano tutti al folklore.

Basilica Minore dell’Addolorata

Oggi, però, il vero simbolo di Castelpetroso è il suo santuario, la Basilica Minore dell’Addolorata. La sua storia comincia il 22 marzo 1888, quando per la prima volta la Vergine apparve a due contadine del luogo mentre cercavano una pecorella smarrita: una delle due donne vide comparire la Maria Addolorata, seminginacchiata e col Figlio morto ai piedi, sguardo verso l’alto e braccia aperte in atto di offerta. Il 26 settembre dello stesso anno, l’allora vescovo di Bojano si recò sul luogo dell’apparizione ed ebbe la grazia di vedere – anch’egli – la Madonna Addolorata. Così, iniziò la costruzione di quella basilica che solamente nel 1975 sarà consacrata.

Oggi, la Basilica Minore dell’Addolorata è meta di pellegrinaggio da ogni angolo dell’Italia. Il modo più suggestivo per raggiungerla? Percorrendo il Sentiero Tobia, che unisce al tema religioso il tema naturalistico e che rappresenta un’importante opera di salvaguardia e di valorizzazione del territorio. Inaugurato nel 2011, il sentiero vede susseguirsi undici pannelli di legno che descrivono ciascuno una tappa del cammino di Tobia.

Un luogo decisamente affascinante, questo santuario. Che è poi il principale motivo per cui i turisti giungono qui, nello splendido borgo di Castelpetroso.

(fonte–> si viaggia)

castelpetroso

Fonte: Facebook (Pro Loco Castelpetroso)

LINK METEO RAPIDI:

Tag: