Proteggere la casa dalle calamità naturali: come? Ecco 3 modi

Novità Varie

3 modi per proteggere la vostra casa dalle calamità naturali

Non importa dove si trovi la vostra casa, è probabile che ci sia il rischio di essere colpiti negativamente da un disastro naturale. Di solito vengono in mente case bruciate, edifici spazzati via e case sulla spiaggia spazzate via dall’uragano.

Sebbene questi siano esempi gravi e vadano presi in considerazione, nella maggior parte dei casi i danni derivano da inondazioni, bufere di neve, grandine e altre condizioni atmosferiche spesso considerate pericolose, ma non necessariamente degne di titoli di giornale.

Prevenire i danni domestici causati da una calamità naturale non è sempre possibile. Se un tornado F5 colpisce frontalmente un’abitazione, a prescindere dalle precauzioni prese, è probabile che la casa venga rasa al suolo. Se un’onda di tsunami di 20 piedi si dirige verso un’abitazione a 80 miglia all’ora, la casa sarà distrutta.

A parte questi esempi estremi, tuttavia, è possibile prendere delle precauzioni. Eccone cinque.

1. Miglioramento del terreno

Una vecchia storia racconta di due uomini che costruirono la loro casa su due superfici diverse: una su una roccia e l’altra sulla sabbia. Quando arrivarono le piogge, la casa sulla roccia rimase salda, mentre quella sulla sabbia fu spazzata via. Sebbene l’insegnamento della storia possa avere uno scopo più spirituale, serve anche come argomento forte per assicurarsi che un terreno abbia fondamenta solide.

In passato, una casa doveva essere costruita in un modo particolare per essere considerata sicura. Per esempio, alle Hawaii o in altre isole costiere, molte case sono costruite su palafitte per ridurre il rischio di essere spazzate via dalle onde alte o dall’acqua.

Oggi tutto sta cambiando. Grazie alle tecnologie di miglioramento del terreno e alle trivellazioni, diversi tipi di case e aziende non solo possono essere costruite su superfici diverse, ma sono anche più sicure.

Per esempio, un’impresa di perforazione per il miglioramento del terreno può installare un drenaggio sismico, che aiuterà l’acqua a defluire dalle fondamenta in caso di rottura delle tubature, per evitare allagamenti o frane.

Le trivellazioni possono anche rendere più solide le fondamenta di una casa e fare in modo che le catastrofi naturali ad alta pressione abbiano un effetto negativo minimo sull’abitazione.

2. Protezione antincendio della casa

L’incendio è uno dei disastri più spaventosi e imprevedibili che possono colpire una casa. Gli incendi selvaggi possono viaggiare a quasi 15 miglia all’ora e, quando si propagano, un piccolo fuoco può passare da un falò a quasi 300 miglia quadrate in tre ore, ovvero circa la dimensione di Los Angeles.

Sebbene sia impossibile rendere una casa completamente a prova di incendio, come dicono anche le scommesse online NetBet, è possibile adottare alcune precauzioni, tra cui le seguenti:

  • Paesaggio – Un prato sano può rallentare notevolmente un incendio. Il fuoco fatica a spostarsi rapidamente quando deve combattere attraverso l’erba e le piante piene d’acqua. Un’altra alternativa è la presenza di sentieri rocciosi che rallentano anch’essi la velocità degli incendi.
  • Costruzione – Se si costruisce una casa, l’uso di rivestimenti, mattoni e rocce sarà a prova di fuoco in quelle aree. Anche l’uso creativo di metallo e cemento intorno alla casa può contribuire a scoraggiare un incendio.
  • Controlli elettrici – Anche se questo passo non è utile in caso di incendio, il controllo dei cavi e delle prese elettriche può aiutare a prevenire un incendio in casa. Ogni anno, migliaia di case prendono fuoco a causa di un guasto elettrico.

3. Osservare il tempo

Sapere cosa sta per succedere può aiutare a prevenire un disastro naturale che colpisce una casa. Anche in questo caso, la maggior parte dei danni non è causata da tornado F4 o da venti di uragano da 110 mph, ma piuttosto da bufere di neve, inondazioni e grandine.

Nel caso delle bufere di neve, un isolamento supplementare sopra i soffitti può effettivamente mantenere i tetti più caldi. Anche se la neve non sembra pesante, bastano pochi centimetri di accumulo per causare un crollo.

In caso di alluvione, la distribuzione di sacchi di sabbia, la pulizia degli scarichi e la sigillatura di tutte le aree deboli (finestre, porte, ecc.) possono impedire all’acqua di uscire e proteggere i pavimenti, le pareti e i mobili di una casa.

Osservare le condizioni meteorologiche e prendere le precauzioni necessarie può far risparmiare migliaia di dollari e ore di lavoro in futuro.

Tag: